Pellet marchi: come scegliere il migliore per il tuo impianto

Pellet marchi: come scegliere il migliore per il tuo impianto 1

Il pellet è un combustibile ecologico ed economico che viene utilizzato per alimentare stufe e caldaie a biomassa. Si tratta di piccoli cilindri di legno pressato, ottenuti da scarti di lavorazione del legno, che hanno un alto potere calorifico e una bassa emissione di fumi.

Per scegliere il pellet migliore per il tuo impianto, è importante considerare alcuni fattori, tra cui la qualità, la provenienza, il diametro e la lunghezza dei pellet. Vediamo in dettaglio quali sono i criteri da seguire per fare una scelta oculata.

Ecco alcune offerte disponibili ora!

In classifica
DISTRUTTORE DI FULIGGINE PER STUFE A PELLET CONFEZIONE DA 2 KG
DISTRUTTORE DI FULIGGINE PER STUFE A PELLET CONFEZIONE DA 2 KG
A base di prodotti naturali e minerali; Aiuta e facilita la manutenzione e la pulizia della stufa
8,00 EUR Amazon Prime
In classifica

Come scegliere un buon pellet per la nostra stufa

Qualità del pellet

La qualità del pellet dipende dalla materia prima utilizzata, dal processo di produzione e dal grado di umidità. Un pellet di qualità deve essere omogeneo nel colore e nella forma, senza polvere o frammenti, e deve avere una superficie liscia e lucida. Inoltre, deve avere un basso contenuto di umidità (inferiore al 10%) e di cenere (inferiore all’1%), per garantire una maggiore resa termica e una minore manutenzione dell’impianto.

Per riconoscere un pellet di qualità, è possibile fare riferimento a delle certificazioni rilasciate da enti indipendenti, che attestano il rispetto di determinati parametri tecnici e ambientali. Le principali certificazioni sono:

ENplus: è la certificazione europea più diffusa e riconosciuta, che classifica il pellet in tre categorie (A1, A2 e B), in base al contenuto di umidità, cenere, potere calorifico e origine della materia prima. La categoria A1 è la più pregiata e indica un pellet con un contenuto di umidità inferiore all’8%, di cenere inferiore allo 0,7% e un potere calorifico superiore a 4,6 kWh/kg. La categoria A2 indica un pellet con un contenuto di umidità inferiore al 10%, di cenere inferiore all’1,2% e un potere calorifico superiore a 4,3 kWh/kg. La categoria B indica un pellet con un contenuto di umidità inferiore al 12%, di cenere inferiore al 2% e un potere calorifico superiore a 4 kWh/kg.
DINplus: è la certificazione tedesca che segue gli stessi parametri della ENplus A1, ma con una tolleranza maggiore sul contenuto di cenere (fino allo 0,8%).
Pellet Gold: è la certificazione italiana che segue gli stessi parametri della ENplus A1, ma con una tolleranza maggiore sul contenuto di umidità (fino al 9%).

Provenienza del pellet

La provenienza del pellet è un altro elemento da valutare nella scelta del combustibile. Infatti, il pellet può essere prodotto da diverse specie di legno (abete, faggio, pino, quercia, etc.), che influenzano il colore, l’odore e il potere calorifico del prodotto finale. In generale, il pellet prodotto da legno chiaro (come abete o pino) ha un colore giallo o beige, un odore gradevole e un potere calorifico medio-alto. Il pellet prodotto da legno scuro (come faggio o quercia) ha un colore marrone o grigio, un odore più forte e un potere calorifico medio-basso.

Oltre alla specie di legno, è importante anche la provenienza geografica del pellet. Infatti, il pellet può essere importato da altri paesi (come Austria, Germania o Polonia, o da Paesi extra-UE) o prodotto in Italia. Il vantaggio del pellet italiano è che spesso ha una qualità più elevata e uniforme, grazie a processi produttivi più controllati e certificati. Lo svantaggio è che (spesso) ha un costo maggiore.

Pellet marchi: come scegliere il migliore per il tuo impianto 1

Ecco delle proposte per pellet marchi

Condividiamo con voi le nostre ultime scoperte e i nostri prodotti preferiti del momento: tra i modelli più venduti nel tempo, quelli “mitici” e le nuove tendenze.
La nostra guida, anche se vuole essere completa, non può coprire tutti gusti, gli stili e le fasce di prezzo dei modelli di pellet marchi. Tuttavia, abbiamo cercato di fornirvi il maggior numero possibile di tendenze che abbiamo osservato e scoperto negli ultimi mesi.

Se ci vediamo costretti a un acquisto con budget limitato, possiamo individuare subito la proposta più economica: vedi ora il prezzo per verificare il prezzo corrente del giorno basterà cliccare sopra.

 

Pellet marchi: come scegliere il migliore per il tuo impianto 3

Pellet marchi: una breve recensione di tre prodotti

Il pellet è una fonte di energia rinnovabile e sostenibile, che si ottiene dalla pressatura di scarti di legno. Il pellet può essere utilizzato per alimentare stufe e caldaie, garantendo un riscaldamento efficiente e a basso impatto ambientale. Tuttavia, non tutti i pellet sono uguali: esistono infatti diverse marche e qualità di pellet, che influiscono sulle prestazioni e sui costi del riscaldamento. In questo articolo, voglio presentarvi una breve recensione di tre prodotti che ho trovato su Amazon, confrontando le loro caratteristiche e i loro prezzi.

 

Precedente

Come scegliere la scrivania giusta per la cameretta di una bambina

Tablet PC con Windows: cosa sono e quali scegliere

Successivo